Accanto ai classici temi della tecnologia farmaceutica, i ricercatori del Centro stanno indirizzando le loro competenze verso:

A) Direzionamento Cerebrale

B) Terapia Genica mediante l’utilizzo dei Liposomi



Direzionamento cerebrale

Gli studi sviluppati sono rivolti alla veicolazione di farmaci antivirali verso il sistema nervoso centrale (SNC).
Sono universalmente noti i devastanti effetti dell’HIV sul sistema immunitario e le conseguenti patologie correlate alla diminuzione delle difese immunitarie.
Al contrario è ancora relativamente poco studiata la presenza latente del virus a livello neuronale (NeuroAIDS).
Il SNC risulta in pratica essere un reservoir del virus che in quel distretto continua la sua evoluzione. La terapia antiretrovirale nei confronti dell’encefalopatia da NeuroAIDS, così come nel caso di quasi tutte le patologie cerebrali, è altamente poco specifica a causa della presenza della Barriera Ematoencefalica (BEE), che protegge il SNC e che non permette il passaggio di molte sostanze e quindi anche di molti farmaci. L’ampio progetto in cui si inserisce la ricerca, si prefigge lo sviluppo di carrier, altamente selettivi per la BEE in grado di facilitarne, tramite meccanismi specifici, il superamento.
I carrier prescelti sono sistemi nanoparticellari, incapaci di attraversare la BEE, al fine di valutare se una loro opportuna modificazione sia in grado di permettere di raggiungere il cervello. Considerando inoltre la necessità di un’esatta localizzazione delle nanoparticelle all’interno di tessuti, è stata messa a punto una doppia metodologia di infusione (cerebrale e femorale) per la valutazione in vivo dei risultati delle sperimentazioni, e successivamente la valutazione tramite microscopia a fluorescenza e microscopia confocale.

I risultati ottenuti sia nel campo della semplice localizzazione cellulare dei sistemi particellari sia nel campo della veicolazione cerebrale hanno evidenziato come realmente sia possibile, tramite una modificazione chimica del polimero, raggiungere i target prefissati.

2005: Premio AFI 2005 per l'innovazione: Nanoparticelle per il direzionamento cerebrale di farmaci (Tosi, Costantino, Gandolfi, Ruozi, Rivasi, Forni, Vandelli) (scarica il comunicato stampa  o il PDF della Presentazione (10 Mb)



Terapia Genica mediante l’utilizzo dei Liposomi

I liposomi hanno ormai da alcuni anni trovato applicazione sia in campo cosmetico che in campo terapeutico, in particolare in diagnostica, nel trattamento di malattie enzimatiche, nella terapia antitumorale e antifungina, nella formulazione di vaccini ed anche in terapia genica.
I liposomi sono attualmente considerati i più promettenti vettori sintetici, da impiegarsi nella veicolazione di geni in alternativa ai vettori virali.
La formulazione di sistemi liposomiali capaci di proteggere e veicolare efficacemente materiale genico, sia DNA plasmidico che oligonucleotidi antisenso in colture cellulari è stata ed è oggetto di diversi studi.
In particolar modo si sono valutate le efficienze di caricamento di acidi nucleici e di veicolazione con liposomi allestiti con lipidi neutri e cationici in diverse linee cellulari.
L’attenzione è poi stata rivolta allo studio ed alla formulazione di liposomi cationici, anche modificati con l’introduzione nella preparazione di nuovi componenti quali gli acidi colici, per la veicolazione di oligonucleotidi, in particolare in cellule cheratinocito-simili.
I cheratinociti sono cellule dell’epidermide preposte a difenderci dall’attacco di agenti esterni che cercano di penetrare lo strato cutaneo ed appaiono particolarmente resistenti e refrattarie all’internalizzazione di oligonucleotidi.
Un elevato numero di patologie a carico dell’epidermide sembra indotto da una sovra-espressione di prodotti proteici che potrebbero pertanto diventare ottimi bersagli in terapie antisenso.
L’esigenza quindi di sviluppare e validare modelli cellulari per gli studi in vitro ha portato all’attivazione, presso i nostri laboratori, di linee cellulari di cheratinociti.
Giugno 2006: Premio AFI per la ricerca e lo sviluppo.
"SISTEMI LIPIDICI PER IL TRANSFER GENICO: SINTESI DI NUOVE MOLECOLE PER LA PROGETTAZIONE DI VETTORI SINTETICI EFFICACI" Scarica il PDF (44 Kb)